Il 68% è convinto di avere beneficiato dall’appartenenza all’Unione europea e il 56% crede che a Bruxelles la voce degli elettori conti. Hanno votato spinti dal senso civico e i temi che hanno più a cuore sono economia e cambiamento climatico. E se le ultime Europee sono quelle che hanno avuto la più alta partecipazione dal 1994 arrivando al 50,6% (+8 punti rispetto al 2014, anche se in Italia è calata di tre punti rispetto a cinque anni fa) il merito è dei giovani, cresciuti del 50%, e degli elettori al primo voto. È il quadro che emerge dal sondaggio post-elettorale di Eurobarometro commissionato dal Parlamento europeo, dove spicca anche un rilevante dato di fiducia: rispetto a cinque anni fa, molti più cittadini hanno votato anche perché a favore dell’Ue (25%, +11 punti percentuali), e perché ritengono di poter cambiare la situazione col loro voto (18%, +6). Se però guardiamo all’Italia, resta il paese più euroscettico: la convinzione di avere beneficiato dall’Unione europea aumenta di un punto rispetto a febbraio/marzo 2019 ma si conferma la più bassa tra i 28, al 42% e di 26 punti sotto la media Ue. Penultimi in classifica i bulgari, preceduti dai britannici. I più entusiasti invece sono i lituani con il 91%. Solo il 38% degli elettori, poi, è convinto che la voce dell’Italia conti in Ue: un dato inferiore di 18 punti rispetto alla media europea, ma che registra +12 rispetto a quattro mesi fa. Priorità per il 55% degli elettori italiani è il tema della crescita.

 

Focus giovani – Nella fascia 16/18 (a 16 anni infatti si può votare in Austria e Malta, e a 17 in Grecia) e 24 anni, il 42% è andato a votare, quando nel 2014 era soltanto il 28%. E poi c’è l’aumento dell’affluenza degli elettori in fascia di età 25-39 anni, che è passata dal 35% del 2014 al 47% (+12 punti). Gli incrementi maggiori sono dati dagli elettori nel cuore dei paesi Visegrad (Polonia, +22, Ungheria +14), ma anche in Romania (+19), Spagna (+17), Austria (+15).

Le ragioni del voto – In 27 Stati membri, i cittadini hanno votato principalmente perché lo considerano un dovere civico (il 47% in Italia, a fronte di una media Ue del 52%). Soltanto in Olanda il motivo principale è stato perché i cittadini devono sempre votare. Se prendiamo in considerazione tutti i 28, sono aumentati rispetto al 2014 quelli che hanno votato perché sono a favore dell’Ue, in particolare in Germania (39%, +14), Irlanda (27%, +15), e Spagna (23%, +15). Una nota positiva anche per l’Italia dove questo valore aumenta di 14 punti, anche se si ferma al 23%, due punti sotto la media Ue.

L’interesse degli elettori è principalmente concentrato su economia e crescita (44%, considerate in 16 paesi come il motivo più importante), cambiamento climatico (37%, priorità in otto paesi), e i diritti umani e la democrazia (37%). Il 36% degli intervistati ha citato “il modo in cui l’Ue dovrebbe lavorare in futuro” come questione di primaria importanza, mentre il 34% il tema immigrazione. Guardando più da vicino le priorità, i paesi in cui quelle economiche sono prevalenti sono Grecia, Croazia, Irlanda, Portogallo, Lituania e Italia. Il tema dell’ambiente è invece cruciale per gli elettori di Danimarca, Svezia, Olanda e Germania, mentre l’immigrazione prevale a Malta e in Belgio e il futuro dell’Europa interessa agli elettori di Repubblica ceca e SlovacchiaChi ha espresso il proprio voto perché in disaccordo con l’Unione Europea sono stati in particolare Regno Unito (rappresentato a Bruxelles perché ancora in stallo sull’accordo Brexit), Belgio e Romania.

Metodologia: Sondaggio di Eurobarometro 91.5. I 27.464 interpellati sono stati intervistati faccia a faccia da Kantar, per il Parlamento europeo, in tutti i 28 Stati membri, selezionati fra la popolazione generale con un’età pari o superiore ai 15 anni. Le domande sono state poi filtrate sui partecipanti in età di voto di 18 o più (eccetto 16 in Austria e Malta, e 17 in Grecia). Il sondaggio è stato svolto dal 7 al 26 giugno 2019.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bruxelles, assistente leghista discriminato: “Qui non affittiamo agli italiani”. Lui: “Razzisti da quattro soldi”

next
Articolo Successivo

Ue, Letta con Prodi e Moscovici: “Grave errore lo stop al confronto coi Verdi sulla nuova presidenza della Commissione”

next