Cambia il difensore di Christian Gabriel Natale Hjorth, uno dei cittadini americani fermati per l’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega. Si tratta di Francesco Petrelli, già legale di Francesco Tedesco, il carabiniere imputato di omicidio preterintenzionale nella vicenda di Stefano Cucchi e che ha accusato gli altri due militari coimputati nel processo del pestaggio del geometra romano morto nel 2009.

Intanto tra i militari dell’Arma, secondo le agenzie di stampa, è partita una una vera e propria caccia all’uomo per identificare il collega che ha scattato la foto all’indagato ammanettato e bendato nella caserma del Nucleo Investigativo di via In Selci e che l’ha divulgata nel gruppo whatsapp scatenando l’indignazione dell’opinione pubblica. Oggi sul punto sono interventi anche gli inquirenti durante la conferenza stampa indetta per rispondere alle domande dei giornalisti sui vari passaggi della notte in cui il 35enne vicebrigadiere è morto accoltellato: le indagini procedono per arrivare ai responsabili “in modo tempestivo” ha assicurato il procuratore facente funzioni di Roma, Michele Prestipino, ma basta “ombre”, ha detto il comandante provinciale dei carabinieri Francesco Gargano che esprime “disappunto e dispiacere” per i tanti commenti e dubbi sollevati sul caso.

Agli arrestati sono state assicurate tutte le “garanzie difensive, la presenza dei difensori e degli interpreti. Gli interrogatori sono stati registrati” ha assicurato assicura Prestipino, mentre il procuratore aggiunto Nunzia D’Elia ha spiegato che, entrambi hanno avuto modo di parlare con i propri avvocati prima di essere interrogati e “hanno avuto l’opportunità di raccontare la loro versione dei fatti”, aggiungendo che non c’è stata ne ci sarà “nessuna indulgenza” verso i responsabili della foto, a cominciare dall’Arma che da subito ha parlato di “un fatto grave” e avviato un’indagine interna. A confessare l’omicidio è stato l’altro giovane Finnegan Lee Elde.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riforma della Giustizia in cdm il 31 luglio: ci sarà anche Salvini dopo le polemiche a distanza con Bonafede

prev
Articolo Successivo

Gole del Raganello, chiusa inchiesta sui dieci morti per la piena dell’agosto 2018: 14 indagati. L’organizzatore disse: “Non dovrebbe piovere”

next