Se l‘Arma dei carabinieri ha censurato come “inconcebile” la foto che ritrae Gabriel Natale Hjorth – uno dei due ragazzi americani presunti assassini del carabiniere Mario Cerciello Rega – bendato e ammanettato, non sono mancate le polemiche per la decisione del ministro dell’Interno Matteo Salvini di minimizzare quanto accaduto: “Ricordo che l’unica vittima per cui piangere è un uomo, un figlio, un marito di 35 anni, un servitore della Patria”, aveva spiegato il vicepremier.

E sulla questione, a margine di una conferenza a Roma, interviene anche Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia: “Quella foto mostra un atto illegale, vietato dal diritto internazionale. Grave averla scattata e diffusa. Viene scattata per darla in pasto alla macchina del rancore“, spiega. E ancora: “Bene la presa di posizione del comandante Nistri. Ma sarebbe bene che questa fase di trasparenza sia condivisa a tutti i livelli. Le parole di Salvini? Preoccupante il linguaggio contrario a standard di civiltà giuridica e allo stato di diritto. Se chi ha incarichi istituzionali invece che calmare le acque le agita, non fa una buona cosa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Autismo, “genitori senza aiuti per gestire i figli con questi disturbi. Se non puoi pagare cure private hai solo dieci ore di terapia al mese”

prev
Articolo Successivo

Suicidio assistito, primo parere del Comitato Nazionale di Bioetica: “Diverso dall’eutanasia, ma non è un’apertura”

next