Leonardo DiCaprio salvaci tu. Una tempesta di messaggi in cirillico provenienti da utenti che abitano vicino al lago Baikal, nel sud ovest della Russia, ha imperversato per ore sull’account Instagram del protagonista di Once upon a time in Hollywood.Aiutaci a salvare il lago Baikal”, lo hanno implorato in migliaia di fronte alle condizioni disperate dovute all’inquinamento dell’ampio spazio di acqua dolce adagiato ai confini con la Mongolia. E c’è perfino chi lo ha vestito da zar postandone una foto “imperiale” con annessa richiesta disperata: “Levushka (Leonardo ndr) te lo chiediamo a nome della Russia: vieni a salvare il lago Bajkal”.

Fervente ambientalista da più di vent’anni DiCaprio nel 1999 ha fatto nascere una fondazione intitolata con il suo nome che difende le specie protette, gli ecosistemi e oppone una “resilienza” ai cambiamenti climatici. Inoltre, il premio Oscar, in un’intervista del 2012, aveva parlato di una nonna di origine russa. Gancio del cuore che ha permesso a migliaia di commentatori del web di attirare Leo verso la causa ecologista di difesa di un ecosistema che rischia, secondo il World Wildlife Fund, di finire travolto dall’espandersi del turismo e dai rifiuti tossici.

Così, se da un lato la cartiera di Baikalsk, che riversava nel lago ogni suo scarto di produzione, è stata chiusa nel 2013, è stato probabilmente il troppo affetto del presidente Putin verso questa possibile meta vacanziera a farla diventare spazio naturale ora pieno di piccoli hotel e resort. La celebre foto del 2017 con Putin che pesca un enorme pesce dal lago ha fatto il giro del mondo, e soprattutto della Russia tanto che, come segnala il Corriere.it, solo nei primi sei mesi del 2018 si sono registrate oltre un milione e mezzo di presenze turistiche attorno alle sponde del Baikal. Putin ha dichiarato però che “conservare il lago per le future generazioni è una priorità del governo”. E il suo commissario per l’ambiente e la natura ha rincarato successivamente la dose ricordando che la quantità di plastica e rifiuti presente nel lago si sta moltiplicando a vista d’occhio e che sarà presto costretto a limitare l’accesso ai turisti. Strutture ricettive, peraltro, che sono per la maggior parte in mano ad imprenditori cinesi.

Gli amministratori locali, invece, hanno risposto picche. Va bene l’inquinamento e la sovrabbondanza di turisti, ma d’ora in avanti  si chiuderanno alcune zone mentre in altre si potrà tranquillamente andare quando si vuole. Insomma, nessuno sembra ascoltare l’appello social di migliaia di cittadini russi. Per questo l’ambientalista DiCaprio sembra l’ultima carta possibile da giocare per difendere il proprio territorio. Anche se Leo, per ora, non ha né mosso un dito per il Baikal, come non ha nemmeno mosso un dito per pigiare le lettere della tastiera e rispondere a cotanto affetto e speranza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Harry e Meghan, la lista dei “divieti” per i loro vicini scatena le polemiche: “Non accarezzate i loro cani”

next
Articolo Successivo

Alessandro Borghi: “Forse mi piacciono pure i maschi. Se bevo due vodka lemon di solito ci baciamo”

next