“Animale”, “capra” ed ancora “mi fai schifo”, “puzzi come una bestia”, “sei pazza”, “scema, incrasciata (sporca ndr)”. Sono solo alcuni degli insulti registrati dagli investigatori delle tre donne arrestate all’alba di oggi dalla Polizia di Stato di Ragusa in una casa di riposo. Le destinatarie di quegli insulti sono le donne ospiti della casa di riposo, molte delle quali malate di Alzheimer. E ancora minacce: “Cambiati o ti prendo a legnate”, “Se non ti lavi ti prendo a schiaffi”, “Muoviti che mi fai schifo o ti do uno schiaffo”, “Io ti ammazzo”.

Insieme agli insulti vi erano violenze, schiaffi, spinte, strattonamenti, umiliazioni, addirittura una delle indagate si sdraiava sopra un’ospite delle struttura per non farla alzare. “Eppure quegli anziani erano solo malati, alcuni anche di Alzheimer pertanto non capivano cosa facevano, erano come dei bambini”, dice il dirigente della Squadra mobile Antonino Ciavola che ha condotto l’inchiesta coordinata dalla Procura ragusana.

I comportamenti inumani sono stati tutti videoregistrati pertanto la Procura della Repubblica di Ragusa diretta da Fabio D’Anna, ha richiesto l’applicazione della misura cautelare a carico delle indagate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino-Lione, le previsioni dei No Tav: “Fase nuova, ma da 30 anni dicono che partiranno i cantieri. Prima devono fare opere complesse”

next
Articolo Successivo

Magenta, un’infermiera va in overdose in reparto. Indagine sugli ammanchi di morfina dall’armadio dei farmaci pericolosi

next