Dopo i rumors pubblicati dal settimanale Oggi secondo i quali Riccardo Scamarcio avrebbe detto a un amico che Clizia Incorvaia si è inventata la storia del tradimento, la ex moglie di Francesco Sarcina ha deciso di parlare. I fatti sono noti: Il matrimonio tra Clizia e Francesco è finito e, per giorni, i settimanali di gossip hanno parlato della causa, cioè il fatto che la Incorvaia avrebbe avuto una storia con l’attore, migliore amico del cantante.

Riccardo Scamarcio dice che mi sono inventata tutto e che fra noi non c’è mai stato niente? Mi fa sorridere questa solidarietà maschile. E mi spiace che, mentre il mio ex marito Francesco Sarcina mi voglia far passare per la protagonista della Lettera Scarlatta, il signor Scamarcio mi voglia far passare per bugiarda“. Queste le parole della Incorvaia al Corriere della Sera. Ma allora la sua versione qual è? “Io ero separata. Era dicembre e Francesco si stava facendo la sua vita – spiega – Ho incontrato Riccardo a casa sua, in amicizia, e c’è stato un bacio, di cui ci siamo pentiti subito dopo. Non siamo stati a letto insieme, ci siamo subito ritratti. Nessuno ha ossessionato l’altro, nessuno voleva stare con l’altro. È successo in un momento forse di fragilità, ci siamo riavuti subito, per me non ha contato nulla e per lui nemmeno”. Insomma, secondo Clizia sono i due a mentire: “Il nodo è che io non volevo stare con un uomo machista e che lui non sopporta di essere stato lasciato, e che l’amico, gli dà manforte. È la solita, brutta, storia di gettare melma su una donna che non deve aver diritto di essere felice”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riccardo Scamarcio, la sua versione sulla storia con la moglie di Francesco Sarcina: “Si è inventata tutto, era ossessionata dal mio rapporto con lui”

next
Articolo Successivo

Vladimir Luxuria single felice: “Nessun tecnico Mediaset nella mia vita. Semmai uomini con gusti particolari: la storia con “il sadomaso” per esempio…”

next