Da un’auto in corsa hanno lanciato pietre contro tre giovani migranti che stavano andando a lavoro nelle campagne di Foggia. È successo all’alba di martedì e la dinamica è molto simile a quella dell’episodio che si era verificato lo scorso 15 luglio contro altri due braccianti. Il primo dei tre feriti, un ragazzo gambiano di 22 anni, è stato trovato dalla polizia lungo la statale 89, all’altezza del bivio per San Marco in Lamis, con un taglio alla testa. In ospedale, dove il giovane è stato medicato, i poliziotti hanno individuato altri due migranti di 20 e 30 anni, anche loro feriti da pietre lanciate da un’auto in corsa nella stessa zona.

Le tre vittime vivono nell’ex fabbrica abbandonata DauniaLat in via Manfredonia, dove abitano anche i due ragazzi colpiti nell’episodio del 15 luglio. I due braccianti aggrediti nel primo caso fanno parte di una piccolissima comunità di poche decine di persone che lavora nei campi della Capitanata, senza caporali, per scelta: contattano direttamente i datori di lavoro e si recano sul posto.

Una delle due piste investigative sulle due sassaiole riguarda proprio questo aspetto: la prima pista seguita da Polizia e Carabinieri è, infatti, legata alla presenza di un gruppo di caporali che starebbe impaurendo i braccianti che non si rivolgono a loro per lavorare nei campi. Una pista però ritenuta dagli inquirenti poco probabile perché, secondo quanto risulta, si tratta di migranti con regolare contratto di lavoro e seguiti costantemente dalle sigle sindacali locali. Più ipotizzabile, per gli investigatori, è la seconda pista, secondo cui gli autori delle sassaiole sono razzisti spinti dall’odio nei confronti dei migranti.

“Se dopo pochi giorni dalla prima sassaiola a Foggia contro due braccianti, oggi nuovamente alle prime luci dell’alba e nello stesso luogo tre lavoratori migranti sono stati bersagliati con pietre da sconosciuti a bordo di un’autovettura, nessuno può derubricare episodi così gravi a bravate. Considerati dinamica e colore della pelle identici. Lo Stato e i rappresentanti del Governo hanno il compito di difendere i lavoratori, qualsiasi sia l’appartenenza etnica”. A dirlo è la senatrice del Partito democratico, Teresa Bellanova, che ha aggiunto: “Invece di continuare a criminalizzare le Ong e chi salva in mare persone disperate Salvini e Di Maio dovrebbero avere paura del clima d’odio che loro stessi hanno seminato e continuano a nutrire. Mi auguro che i responsabili siano rintracciati quanto prima”. “Questa è una spirale d’odio che va fermata assolutamente, prima che sia troppo tardi”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, quando ci accorgeremo che abbiamo un problema di sicurezza sulle ferrovie?

next
Articolo Successivo

Tav: costi, numeri e struttura della ferrovia Torino-Lione. La tratta principale costerà 8,6 miliardi di euro

next