Dopo quello del 2013 in cui morì Paul Walker, c’è stato un altro drammatico incidente sul set della saga di Fast & Furious. La controfigura di Vin Diesel, Joe Watts, è caduta di testa da un’altezza di nove metri mentre stava girando una scena in cui saltava da un balcone. Trasportato d’urgenza in ospedale, lo stuntman è in condizioni gravissime: “Ha subito un grave trauma cranico ed è in coma indotto. È stabile e costantemente monitorato”, ha fatto sapere la sua fidanzata Tilly Powell. Vin Diesel era sul set e ha assistito al terribile incidente: “È stato visto sul set qualche secondo dopo la tragedia. Era pallido, sotto shock e in lacrime. Ha visto cosa è successo”, ha riferito al Sun una fonte vicina all’attore americano. Le riprese sono state immediatamente interrotte e tutta la produzione del film è sconvolta dall’accaduto.

“Stavano girando una scena di un balcone molto alto. Lo stuntman è saltato dal balcone attaccato a un filo di sicurezza, ma sembra che il cavo si sia spezzato. Doveva essere lasciato penzolare sotto il balcone tramite il cavo e poi lentamente abbassato a terra, ma qualcosa è andato storto ed è precipitato a terra ed è atterrato sulla sua testa. Ci sono stati sussulti e urla quando Watts ha colpito il pavimento. È stato orribile e ovviamente tutto è stato ripreso dalla fotocamera. Questo è stato consegnato alla polizia. È successo su un nuovo set negli studi. Ora tutto è stato chiuso sul set e le riprese sono state interrotte. È una scena del crimine”.

Lo amo moltissimo e il mio cuore è devastato. La sua famiglia e gli amici sono al suo fianco per aiutarlo ad affrontare tutto questo”, ha scritto in un messaggio su Facebook la fidanzata di Watts.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elisa Isoardi bacia affettuosamente un bambino e sui social piovono critiche: “Vergogna!”

prev
Articolo Successivo

Nicole Kidman: “Io, una maniaca sessuale? Poteva andare molto peggio”

next