Momenti di imbarazzo per Nicole Kidman, durante una intervista radiofonica al “The Kyle & Jackie O Show”. L’attrice 52enne aveva accettato l’invito dello speaker radiofonico Kyle Sandilands per parlare della seconda serie di “Big Little Lies”, dove la Kidman è una delle protagoniste. A sorpresa Sandilands, durante la chiacchierata con il Premio Oscar, ha citato un brano pubblicato lo scorso anno dal marito e cantautore Keith Urban. La canzone “incriminata” si intitola “Gemini” (Gemelli, come il segno zodiacale della Kidman, ndr) e parla di una donna che è una maniaca sessuale a letto.

Naturalmente lo speaker ha subito chiesto alla diva del cinema come stessero le cose esattamente tra i due. La reazione sorpresa e incredula non si è fatta attendere e tra le risate Nicole ha risposto: “Sei così cattivo! Non censuro la sua arte se posso esserne la sua musa ispiratrice. Però poteva andare molto peggio. E’ imbarazzante pensare al fatto che io sia una maniaca sessuale, ma allo stesso tempo è sempre meglio che dire ‘Dio, sono così annoiato. Fai uno sforzo Nicole!”. Una battuta brillante che ha conquistato gli ascoltatori. Di fatto non è una smentita.

Non contento  Sandilands l’ha incalzata: “Ascolta qui un po’. Potrebbe sorprenderti. La canzone dice anche che ti svegli nel cuore della notte per…“. La Kidman sorridendo ha subito chiuso il discorso: “Cosa? Stai zitto! Lo stai inventando. Stai zitto, Kyle. Non ti rispondo nemmeno. E’ scandaloso”. Nicole Kidman e Keith Urban si sono sposati nel giugno del 2006 in Australia, dopo un anno di fidanzamento. La coppia ha due figlie: Sunday Rose di 10 anni e Faith Margaret di 8 anni.  Un amore duraturo e vero che sembra ancora alimentato dal fuoco della passione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fast & Furious 9, incidente sul set per la controfigura di Vin Diesel: in coma dopo caduta di testa da altezza di 9 metri

prev
Articolo Successivo

Francesco Facchinetti: “Da oggi ho un nemico in più da abbattere, te la farò pagare”. Spy: “È Irama”

next