Una passeggera del volo partito da Amsterdam e diretto al Cairo della Tarom Airlines, Viorica Hagagg, ha filmato e denunciato quanto accaduto il 16 luglio, durante lo scalo all’aeroporto di Bucarest. Nel video si vedono alcuni uomini della sicurezza tentare di portare via un passeggero egiziano con la forza, con maniere piuttosto brusche, provocando le proteste della moglie e del figlio e di tutti gli altri passeggeri a bordo. “A bordo dell’aereo – racconta l’autrice del video – una coppia si era seduta vicino all’uscita di sicurezza. Non parlando né inglese, né rumeno, ma solo francese, il personale li ha invitati a spostarsi in fondo, accanto a me. Pochi minuti dopo sono saliti gli uomini della sicurezza, e hanno chiesto il passaporto alla donna, dicendole di lasciare l’aereo ‘per decisione del capitano’. A quel punto noi passeggeri abbiamo chiesto di recuperare un interprete visto che la famiglia egiziana non poteva capire, ma ci hanno risposto che non era necessario poiché il personale sull’aereo parlava inglese”. Il filmato mostra poi quanto accaduto dopo, con gli addetti di sicurezza che provano ad arrestare e portare via l’uomo trascinandolo con la forza, mentre intorno tutti assistono sconvolti. Presto si scatena il caos. Alla signora Hagagg viene chiesto più volte di non riprendere la scena. “È mio diritto riprendere” replica lei. Dopo la pubblicazione del video su Facebook la compagnia aerea rumena si è scusata per l’incidente, ma ha difeso il personale di bordo, dicendo che la coppia aveva sputato su un assistente di volo: “Il personale ha agito seguendo il regolamento previsto per queste situazioni”

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Trump incontra i perseguitati religiosi e fa una gaffe dopo l’altra. E a Nadia Murad: “Perché le hanno dato il Nobel? È incredibile”

next
Articolo Successivo

Iran, il momento dell’abbordaggio della petroliera Stena Impero: uomini con il passamontagna si calano da un elicottero

next