Una passeggera del volo partito da Amsterdam e diretto al Cairo della Tarom Airlines, Viorica Hagagg, ha filmato e denunciato quanto accaduto il 16 luglio, durante lo scalo all’aeroporto di Bucarest. Nel video si vedono alcuni uomini della sicurezza tentare di portare via un passeggero egiziano con la forza, con maniere piuttosto brusche, provocando le proteste della moglie e del figlio e di tutti gli altri passeggeri a bordo. “A bordo dell’aereo – racconta l’autrice del video – una coppia si era seduta vicino all’uscita di sicurezza. Non parlando né inglese, né rumeno, ma solo francese, il personale li ha invitati a spostarsi in fondo, accanto a me. Pochi minuti dopo sono saliti gli uomini della sicurezza, e hanno chiesto il passaporto alla donna, dicendole di lasciare l’aereo ‘per decisione del capitano’. A quel punto noi passeggeri abbiamo chiesto di recuperare un interprete visto che la famiglia egiziana non poteva capire, ma ci hanno risposto che non era necessario poiché il personale sull’aereo parlava inglese”. Il filmato mostra poi quanto accaduto dopo, con gli addetti di sicurezza che provano ad arrestare e portare via l’uomo trascinandolo con la forza, mentre intorno tutti assistono sconvolti. Presto si scatena il caos. Alla signora Hagagg viene chiesto più volte di non riprendere la scena. “È mio diritto riprendere” replica lei. Dopo la pubblicazione del video su Facebook la compagnia aerea rumena si è scusata per l’incidente, ma ha difeso il personale di bordo, dicendo che la coppia aveva sputato su un assistente di volo: “Il personale ha agito seguendo il regolamento previsto per queste situazioni”

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, Trump incontra i perseguitati religiosi e fa una gaffe dopo l’altra. E a Nadia Murad: “Perché le hanno dato il Nobel? È incredibile”

prev
Articolo Successivo

Iran, il momento dell’abbordaggio della petroliera Stena Impero: uomini con il passamontagna si calano da un elicottero

next