“Le famiglie vivono con la paura dello sgombero, ma siamo determinati a resistere. Non c’è alternativa. Le poche famiglie che hanno accettato centri di accoglienza sono stati assaliti da cimici e scarafaggi. Noi non siamo miserabili siamo gente che lavora e non può permettersi un affitto”. La signora Anna è una delle occupanti dell’edificio di via CAravaggio 105, a Roma. La struttura rientra nel piano di sgomberi previsti dal Viminale e calednarizzati dalla Prefettura di Roma. “Qui non c’è criminalità, si vive come un condominio – racconta ancora Anna –  Siamo circa 400 persone, non siamo illegali. Illegale è chi ha provocato tutto questo. Noi lottiamo per le case popolari. Abbiamo diritto di non essere circondiati e assediati dalla polizia. Non siamo assolutamente delinquenti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, nuovo sequestro dopo il missile e l’arsenale: trovate altre armi con materiale di estrema destra

prev
Articolo Successivo

Federconsumatori denuncia: “I treni Pescara-Milano cambiano solo nome. Identici tempi di percorrenza e prezzi aumentati”

next