È morto dopo una lunga malattia Mattia Torre, scrittore, sceneggiatore e autore tv. Ne dà notizia Il Mattino. Torre, insieme a Luca Vendruscolo e Giacomo Ciarrapico è tra i “papà” della serie tv cult Boris. Nato nel 1972, l’esordio a teatro come autore delle commedie L’ufficio, Io non c’entro, Tutto a posto e Piccole anime. Matteo ha scritto anche per il cinema: da Piovono mucche che ha vinto il premio Solinas per la sceneggiatura nel 2002 a Boris, tratto dalla serie tv fino a Ogni maledetto Natale, film anche diretto con Ciarrapico e Vendruscolo. In molti ricorderanno il recente monologo scritto da Mattia Torre e letto da Valerio Mastrandrea a Propaganda Live, “La colpa è sempre di un altro”: “In Italia “è sempre colpa di un altro, di quello che è venuto prima…”, è una “piccola magia tutta italiana” quella di “milioni di cittadini, nessuno con una responsabilità”. Il testo aveva fatto il giro del web (non si tratta dell’unico monologo che Torre aveva scritto per l’attore). E sempre Mastandrea è stato il protagonista de La linea verticale, serie tv andata in onda nel 2018 su Rai 3 e tratta dall’omonimo libro di Mattia, dove lo scrittore ha raccontato la sua battaglia contro il tumore. Per la tv ha scritto Parla con me per Serena Dandini e, insieme a Corrado Guzzanti, è stato autore della serie tv Dov’è Mario?. Tra i primi ad esprimere cordoglio proprio Guzzanti: “Mattia Torre, amico carissimo e brillante, scrittore sopraffino, 47 anni, venti romanzi ancora da scrivere, cento sceneggiature. Una curiosità, un coraggio e un senso dell’umorismo rari in questo mondo, rarissimi in Italia. Uno che se adesso gli dicessi “che la terra ti sia lieve” ti scoppierebbe a ridere in faccia, ci scriverebbe sopra un monologo. Mi mancherai tanto. Ci eri indispensabile”, ha scritto commosso Guzzanti. Sono in molti a ricordarlo sui social.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano De Martino ammette: “Ad Amici mi stavano cacciando. È stata Maria De Filippi a fermarli”

prev
Articolo Successivo

Elettra Lamborghini si fa male sul palco durante il concerto: “Ho sentito tutto il sangue in bocca, ora non riesco a parlare”

next