È morta a Scicli una 25enne investita da un’auto al termine del suo turno di lavoro. Alla guida della vettura che l’ha uccisa c’era un giovane, risultato positivo al test della droga. La vittima, Martina Aprile, lascia un figlio piccolo. È rimasto ferito nell’incidente anche il collega che era con lei, mentre un 16enne alla guida di uno scooter è morto questa mattina nello stesso paese del Ragusano schiantandosi contro un albero.

L’incidente sulla strada provinciale Cava d’Aliga-Sampieri, dove la donna si trovava per gettare la spazzatura, al termine del suo turno di lavoro, intorno alle 2 di notte. Martina Aprile, che era cameriera al ristorante L’ancora di Cava d’Aliga, si trovava accanto ai cassonetti quando è stata colpita dalla Lancia Ypsilon: è morta sul colpo. Con lei c’era un collega di 41 anni che era uscito per aiutarla a portare i sacchi di immondizia e che è rimasto ferito nell’incidente e ora è ricoverato in ospedale.

Alla guida dell’auto che ha investito la ragazza c’era un uomo di 34 anni, F.C., anche lui un cameriere. Le analisi condotte all’ospedale di Modica hanno rilevato che aveva assunto droghe, cocaina e metadone, prima di mettersi al volante. È stato arrestato per omicidio stradale aggravato e portato alla Casa Circondariale di Ragusa, a disposizione del pubblico ministero.

Non c’è stato nulla da fare nemmeno per il ragazzo di 16 anni che intorno alle 8 di questa mattina si è schiantato contro un albero in via Vitaliano Brancati, sempre a Scicli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carola Rackete, la Procura ricorre in Cassazione contro la scarcerazione della capitana della Sea Watch

prev
Articolo Successivo

Modena, il sindaco di Mirandola toglie il patrocinio alla pastasciutta antifascista dell’Anpi: “Il termine ‘anti’ è divisivo”

next