Un uomo, Domenico Massari, di 54 anni, ha sparato e ucciso la ex moglie durante una serata di karaoke al ristorante del bagno ‘aQuario’ a Savona. Un’altra donna è stata ferita gravemente, mentre una bambina e una ragazza sono sate di striscio. L’uomo è entrato dalla spiaggia e ha aperto il fuoco tra la gente, esplodendo più di cinque colpi di pistola. Secondo alcuni testimoni prima di sparare l’uomo avrebbe gridato alla ex moglie “ti ricordi di me?”. Uomini delle forze dell’ordine hanno cercato Massari, che è un ex carabiniere, per tutta la notte. La caccia all’uomo, in fuga armato, continua. In procura si terrà un vertice per pianificare indagini e ricerche.

La vittima si chiamava Deborah Ballesio, 40 anni. La donna, che è stata colpita da diversi proiettili, era la animatrice della serata. “Ha iniziato a sparare contro il palchetto, la gente pensava fosse uno scherzo. Saranno stati sette o otto colpi, noi abbiamo iniziato a scappare e lui è scappato con noi”, hanno raccontato i presenti.

Altre tre sono le persone rimaste ferite: una di 62 anni ha un proiettile in una gamba ed è stata trasportata all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, un’altra ragazza colpita di striscio, in cura all’ospedale san Paolo di Savona e una bambina che fortunatamente è stata solo sfiorata dal proiettile e quindi dimessa subito dopo le medicazioni.

Tra la coppia ci erano stati seri problemi anche in passato. Nell’agosto del 2015 l’uomo dette fuoco al locale di lap dance ‘Follia’ di Altare, gestito dalla moglie e alla casa della donna a Plodio. L’episodio era avvenuto dopo una serie di liti e molestie che gli erano costati un patteggiamento a tre anni e due mesi per danneggiamenti e stalking e il divieto di avvicinarsi alla donna, oltre a quello di dimora nei comuni di Plodio, Carcare e Millesimo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Augusto Fantozzi, morto a Roma il tributarista che fu ministro e commissario di Alitalia

prev
Articolo Successivo

Jesolo, 5 morti in 2 incidenti: tutti giovani tra i 22 e i 28 anni. Altre 4 vittime a Cesena

next