Pierluigi Diaco ha perso la pazienza e si è lasciato andare a un’inaspettata sfuriata in diretta a Io e te su Rai1 contro Vira Carbone, sua ospite in studio. Il motivo? Lo squillo del telefono della Carbone. Il conduttore è al timone della nuova striscia pomeridiana sulla rete ammiraglia di Viale Mazzini e nella puntata di giovedì stava trattando proprio il tema dell’invadenza degli smartphone nella vita quotidiana e l’ospite stava parlando della sua esperienza personale in famiglia, spiegando che lei ha deciso di mettere a tavola un cestino dove tutti, comprese le sue quattro figlie, devono riporre tutti i cellulari ai momenti dei pasti.

Mentre parlava però, ha iniziato a suonarle improvvisamente il telefono che aveva con sé. Un fuori programma che coglie di sorpresa anche la stessa Carbone che, imbarazzata spiega: “Avrei voluto iniziare con uno sketch con te, volevo consegnartelo. Era in modalità aereo, non capisco perché mi sia suonato”. Il nervosismo di Diaco però è crescente: “Non sto scherzando, è vietato portare il cellulare. Lo dico sinceramente, trovo molto maleducato entrare in uno studio televisivo quando si discute col cellulare acceso. Lo dico con grande sincerità, lo trovo maleducatissimo”.

Vira Carbone mantiene il sorriso, ripete che si trattava di un siparietto venuto male, ma fatica a celare il comprensibile imbarazzo. Anche perché il padrone di casa tiene il punto: “Non lo trovo comico, posso diventare molto severo. Mi sono indispettito. Converrete con me che dopo la trasmissione abbracciarci è più importante di farci una foto? Io mi sottraggo alla dittatura del cellulare, la trovo volgare, volgarissima”. A questo punto la Carbone si arrende: “È casa tua e si rispettano le tue regole”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, serata per i 30 anni di Blob. Ghezzi: “È tutto”. Chiambretti: “Nessuno ci vuole finire, ma tutti ci vogliono stare”

prev
Articolo Successivo

Unomattina, Benedetta Rinaldi fuori dal programma: “Non mi hanno detto niente. Abbiamo fatto ottimi ascolti, ecco perché ora sto male”

next