Dopo lo stallo sul capitolo autonomie e le tensioni tra M5s e Lega, in conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri è stato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a fare il punto sul dossier: “Ci sono alcuni passaggi più critici, sicuramente abbiamo già fatto molto lavoro e lo stiamo completando. Io sono il garante, sarà una riforma compatibile con i principi costituzionali”. Per poi precisare: “Ho posto alcuni paletti, sui quali non si può transigere. Quello che io concedo a una regione, potenzialmente devo poterlo concedere alle altre. Di certo non possiamo trasferire tutte le competenze che mi vengono richieste, altrimenti avremmo un potere centrale senza competenze. E in nessun modo questa autonomia potrà diventare uno strumento per allargare ulteriormente il divario tra le regioni“, ha rivendicato il premier, prima di lasciare la conferenza stampa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi russi a Lega, Conte: “Chiarimenti a Salvini? Mi fido di lui”. E Fontana glissa su denuncia a Savoini

next
Articolo Successivo

Tav e Autostrade, Urso (FdI) e Ferro (FI) contro Toninelli: “Torni a fare l’assicuratore”. “Vi piacerebbe”

next