Avete presente quei grandi unicorni gonfiabili che da un paio di estati continuano a comparire al mare, in piscina, ovunque ci sia un rivolo d’acqua? Un automobilista, lo scorso 5 luglio, deve aver pensato che proprio non poteva andare in spiaggia senza e così ha caricato l’unicorno sul tetto dell’auto, lo ha legato ed è partito. Peccato che questa trovata gli sia costata una bella multa: i gendarmi di Cavalaire sur Mer, in Costa Azzurra, lo hanno fermato e dato che l’unicorno superava la sagoma del veicolo è scattata la multa. Inoltre, all’automobilista è stato chiesto di sgonfiare l’unicorno. Vista la massiccia diffusione di questo gadget dell’estate, forse qualcuno farà tesoro dell’esperienza di questo guidatore: niente unicorni sul tetto dell’auto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mara Venier, la gaffe ai palinsesti Rai: “Il mio nuovo programma? Com’è che si chiama?”

next
Articolo Successivo

Paola Barale torna in tv e si sfoga su Raz Degan

next