Avete presente quei grandi unicorni gonfiabili che da un paio di estati continuano a comparire al mare, in piscina, ovunque ci sia un rivolo d’acqua? Un automobilista, lo scorso 5 luglio, deve aver pensato che proprio non poteva andare in spiaggia senza e così ha caricato l’unicorno sul tetto dell’auto, lo ha legato ed è partito. Peccato che questa trovata gli sia costata una bella multa: i gendarmi di Cavalaire sur Mer, in Costa Azzurra, lo hanno fermato e dato che l’unicorno superava la sagoma del veicolo è scattata la multa. Inoltre, all’automobilista è stato chiesto di sgonfiare l’unicorno. Vista la massiccia diffusione di questo gadget dell’estate, forse qualcuno farà tesoro dell’esperienza di questo guidatore: niente unicorni sul tetto dell’auto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mara Venier, la gaffe ai palinsesti Rai: “Il mio nuovo programma? Com’è che si chiama?”

prev
Articolo Successivo

Paola Barale torna in tv e si sfoga su Raz Degan

next