Regista, attore e giornalista, Ugo Gregoretti è morto alcuni giorni fa nella sua casa di Roma a 88 anni. In quest’intervista, girata nel 2016 a Pontelandolfo (paesino del Sannio in cui Gregoretti aveva spostato il suo ricco archivio), l’intellettuale spiegava come per lui l’ironia fosse un fatto naturale, un’inclinazione fisiologica da utilizzare per comprendere la società contemporanea. O per cambiare a martellate la realtà, compito improcrastinabile dei giovani “che devono inventarsi un destino”. Un Gregoretti lucido e appassionato in uno dei suoi ultimi interventi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fendi sfila al Colosseo e promette restauri per 2,5 milioni. Ma l’affare è tutto suo

next
Articolo Successivo

Febbre, l’autobiografia d’esordio di Bazzi per abbattere i modelli standardizzati sull’Hiv e il muro della solitudine

next