Associazione per delinquere, truffa allo Stato e auto riciclaggio. Sono questi i reati contestati a undici persone appartenenti al consorzio di Onlus che dal 2014 al 2018 si è aggiudicato bandi per la gestione dei migranti dalle prefetture di Lodi, Parma e Pavia per oltre sette milioni di euro. “Si tratta di eccezioni e non dobbiamo sottovalutare il lavoro delle altre cooperative che hanno gestito i migranti” ha dichiarato in conferenza stampa il Pm Gianluca Prisco che insieme a Ilda Boccassini ha coordinato l’inchiesta che ha portato all’operazione della Guardia di Finanza di Lodi questa mattina. Nell’inchiesta spunta anche il legame con pluripregiudicati appartenenti alla ‘ndrangheta che avrebbero sfruttato le Onlus per “far ottenere a persone recluse, tramite falsi documenti, la concessione della misura alternativa alla detenzione da parte del magistrato di sorveglianza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, Patronaggio: “Manovra Carola? E’ reato secondo il codice penale e della navigazione”. Su Salvini non risponde

next
Articolo Successivo

Sea Watch, De Falco: “La manovra? Barca Gdf doveva lasciare spazio. Per la nave da crociera a Venezia accuse meno gravi”

next