CasaPound Italia ha deciso di mettere fine alla propria esperienza elettorale e partitica“. Ad annunciarlo a sorpresa è il presidente Gianluca Iannone che, a poche ore dalla decisione del sindaco di Roma Virgina Raggi di far togliere la scritta in marmo sulla facciata dello stabile da loro occupato in via Napoleone III, ha spiegato come questa decisione sia maturata tra i militanti dell’ormai ex partito di estrema destra dopo il flop registrato alle ultime elezioni europee, dove Cpi ha raccolto lo 0,3% dei voti. “La decisione di oggi non segna affatto un passo indietro, da parte del movimento, ma anzi è un momento di rilancio dell’attività culturale, sociale, artistica, sportiva di Cpi, nel solco di quella che è stata da sempre la nostra identità specifica e originale – ha spiegato Iannone -. Sarà anche un’occasione per tornare a investire tempo ed energie nella formazione militante, particolarmente essenziale, dati i nuovi pruriti liberticidi della sinistra”.

Questo non vuol dire però che l’esperienza del movimento di estrema destra finisce qui: “Tale decisione – ha precisato il presidente di Cpi – non significa che CasaPound intenda disertare la battaglia sovranista e identitaria. Al contrario, Cpi intende sfruttare il suo bagaglio di vivacità culturale, radicamento sul territorio ed energia militante per contribuire a quella che resta la sfida cruciale da qui ai prossimi anni, dialogando con tutte le forze che si oppongono alle follie globaliste e hanno a cuore i destini della nazione. I molti eletti a livello locale e le 140 sedi sparse su tutto il territorio nazionale resteranno inoltre preziosi avamposti politici per portare avanti le nostre battaglie. Abbiamo messo in circolo proposte e parole d’ordine che poi sono finite in cima all’agenda del dibattito politico: pensiamo solo a mutuo sociale, reddito nazionale di natalità, nazionalizzazione delle autostrade, preferenza nazionale. Noi riteniamo che questa funzione sia valida oggi più che mai”.

L’esperienza di CasaPund Italia iniziò nel dicembre del 2003 con l’occupazione abusiva di uno stabile nel rione Esquilino di Roma e la creazione del primo centro sociale di ispirazione fascista che poi, nel 2008, diventò un’associazione di promozione sociale. Nel corso degli anni il numero di militanti di Cpi andò aumentando, così come le iniziative di occupazione e mobilitazione su tutto il territorio nazionale che lo connotarono come un vero e proprio movimento politico. Alle elezioni amministrative del 2011 presentò i suoi primi candidati inseriti però in liste di centro-destra: la svolta arrivò nel 2013, quando CasaPound si presentò ufficialmente alle elezioni con una propria lista e con il suo simbolo, correndo autonomamente. Nel 2014, per le elezioni europee, iniziò l’alleanza con la Lega, a supporto della candidatura di Mario Borghezio. In questi anni in tanti hanno provato a far chiudere CasaPound, dalla sinistra al Movimento 5 Stelle, anche con esposti in Procura come ha fatto l’Anpi per chiederne lo scioglimento, ma invano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondi Ue, spesi male o truffati: la Sicilia dovrà restituire a Bruxelles 380 milioni

prev
Articolo Successivo

Dl Crescita, il Senato approva: 158 sì alla fiducia posta dal governo. È legge

next