Torna in libertà Doina Matei, la donna romena condannata in via definitiva nel 2010 dalla Cassazione a 16 anni di carcere per aver ucciso Vanessa Russo, colpita a un occhio con la punta dell’ombrello il 26 aprile del 2007 sulla banchina della metropolitana di Roma. La donna è stata scarcerata con un anticipo di quattro anni per buona condotta: mercoledì mattina il magistrato di sorveglianza del Tribunale di Venezia ha firmato l’atto con cui ha certificato per lei il “fine pena”. Doina Matei ha scontato infatti la sua pena nel carcere lagunare della Giudecca e già nel 2015 aveva ottenuto la semilibertà. Seguita fin dal giorno dell’arresto dall’avvocato Carlo Testa Piccolomini, dal 2016 ha iniziato a reinserirsi nella società: “La fase riabilitativa – ha sottolineato il suo legale al Corriere della Sera – l’ha sfruttata con dedizione. Ora Doina vuole solo essere dimenticata”.

Era il 26 aprile del 2007 quando Vanessa Russo, 23 anni, veniva colpita all’occhio con la punta di un ombrello mentre, tra la folla, usciva da un convoglio della metropolitana della linea B alla stazione Termini di Roma. Le sue condizioni apparvero subito gravi: portata al Policlinico Umberto I in codice rosso, fu ricoverata in prognosi riservata. La giovane morì dopo un giorno di agonia. Le telecamere di sicurezza della metro immortalarono due donne dell’Est che sui allontanavano subito dopo l’aggressione, cercando di non farsi notare. La Procura di Roma aprì un’inchiesta per omicidio e gli agenti della squadra mobile passarono al setaccio campi nomadi, piazzali di partenza degli autobus per l’Est a Ponte Mammolo e la stazione Tiburtina.

Ogni informazione era preziosa per rintracciare le due fuggitive, identificate dagli investigatori. La sera del 29 aprile, a tre giorni dall’omicidio, Doina Matei, una prostituta romena di 22 anni, e l’altra ragazza che era con lei al momento dell’aggressione, C. I., 17 anni, venirono rintracciate e bloccate a Tolentino, in provincia di Macerata, dove abita la madre di una delle due giovani. Condannata in Appello per omicidio preterintenzionale a 16 anni di carcere, la donna ha finito mercoledì di scontare la sua pena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Csm, Bonafede traccia la legge per separare politici e toghe: “Basta con i parlamentari che diventano membri laici”

prev
Articolo Successivo

Strage di Ustica, mille ipotesi e nessuna giustizia. Dopo 39 anni il ‘muro di gomma’ resiste ancora

next