Dopo che già il governatore leghista del Friuli Massimiliano Fedriga era finito nella polemica per la decisione di rimuovere lo striscione su Giulio Regeni dal palazzo della Regione, anche Matteo Salvini sembra voler continuare a snobbare la vicenda dell’omicidio del ricercatore italiano, da anni ormai senza verità. Perché se la famiglia di Regeni è tornata a chiedere con forza al governo il ritiro dell’ambasciatore italiano al Cairo e di dichiarare l’Egitto “paese non sicuro”, il vicepremier e ministro dell’Interno taglia corto: “Se continuo a credere alle bugie di Al Sisi? ‘Sul caso Regeni ho piena fiducia nel premier Conte e nel ministro Moavero. Non spetta a me decidere sul ritiro dell’ambasciatore”, ha tagliato corto, replicando al Fattoquotidiano.it, nel corso di una conferenza stampa al Viminale.

Al contrario, è il presidente della Camera Roberto Fico a sostenere la famiglia Regeni: “L’Italia vedrà cosa fare rispetto al proprio ambasciatore, ma senza dubbio quella del ritiro è una strada”, ha spiegato il presidente della Camera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olimpiadi 2026 a Milano-Cortina, il governo esulta. Viva l’Italia dell’ipocrisia

prev
Articolo Successivo

Ue, Salvini: “Impegno a ridurre deficit sul 2020? Manca solo la genuflessione costante…”. E sul Tav leggero resta scettico

next