La mia maturità? Me la ricordo perfettamente. Entrai nella mia classe ma non c’erano i banchi, che avevano spostato. C’erano tutti i professori che mi guardarono in modo strano, allora io uscii, un docente mi seguì e mi chiese: le serve una mano?”. Lory Del Santo, ospite de I Lunatici su Rai Radio1, ha ricordato la sua maturità, tornando con la mente a quei giorni. “Non è che quel prof. ci stava provando?”, le hanno chiesto i conduttori. “Era un commissario esterno, non lo conoscevo, chissà…Devo dire che quel giorno ero stratosferica: avevo un tacco 12, una tutina viola di lino molto leggero. E non avevo il reggiseno e neanche il resto dell’intimo…Tanto c’era un doppio strato di lino in quelle parti del vestito. Presi il massimo dei voti: non andavo molto bene a scuola ma alla maturità sono stata la più brava della classe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2019, “le Historiae di Tacito? Siamo preparati perché passiamo le giornate sui social”: tutti i meme della seconda prova

next
Articolo Successivo

Morgan: “Asia Argento mi ha iniziato alla tossicodipendenza”. Ma Signoretti replica: “I 200 mila euro della casa te li sei sniffati”

next