La mia maturità? Me la ricordo perfettamente. Entrai nella mia classe ma non c’erano i banchi, che avevano spostato. C’erano tutti i professori che mi guardarono in modo strano, allora io uscii, un docente mi seguì e mi chiese: le serve una mano?”. Lory Del Santo, ospite de I Lunatici su Rai Radio1, ha ricordato la sua maturità, tornando con la mente a quei giorni. “Non è che quel prof. ci stava provando?”, le hanno chiesto i conduttori. “Era un commissario esterno, non lo conoscevo, chissà…Devo dire che quel giorno ero stratosferica: avevo un tacco 12, una tutina viola di lino molto leggero. E non avevo il reggiseno e neanche il resto dell’intimo…Tanto c’era un doppio strato di lino in quelle parti del vestito. Presi il massimo dei voti: non andavo molto bene a scuola ma alla maturità sono stata la più brava della classe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2019, “le Historiae di Tacito? Siamo preparati perché passiamo le giornate sui social”: tutti i meme della seconda prova

next
Articolo Successivo

Morgan: “Asia Argento mi ha iniziato alla tossicodipendenza”. Ma Signoretti replica: “I 200 mila euro della casa te li sei sniffati”

next