La legge Spazzacorrotti è incostituzionale? È quanto dovrà stabilire la Consulta dopo che la prima sezione penale della Corte di Cassazione ha sollevato questione di legittimità costituzionale, inviando gli atti alla Corte Costituzionale. Quest’ultima dovrà decidere sulla irretroattività della legge, che dal 31 gennaio manda obbligatoriamente in carcere i condannati definitivi per reati contro la pubblica amministrazione, senza poter chiedere, in stato di libertà, una misura alternativa. Il caso da cui tutto è partito riguardava un legale di Como, condannato a quattro anni per peculato.

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale lombardo, accogliendo la lettura della difesa (il professor Vittorio Manes di Bologna e l’avvocato Paolo Camporlini) sulla non applicabilità della legge per un reato commesso in data precedente a quella della sua entrata in vigore e con sentenza irrevocabile in data successiva, ha sospeso l’ordine di esecuzione. Ma la Procura comasca aveva fatto ricorso in Cassazione, che per la prima volta ha sollevato la questione di costituzionalità, strada già imboccata da giudici di merito. Ora la Corte costituzionale dovrà decidere se una modifica normativa afflittiva possa essere o meno retroattiva, e se sia ragionevole estendere un regime pensato per mafia e terrorismo ai reati contro la pubblica amministrazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Csm, il procuratore di Milano Greco: “Sconcertati dalle logiche di funzionamento della burocrazia romana”

next
Articolo Successivo

Roma, arrestato imprenditore grazie all’infiltrato sotto copertura: ha cercato di corrompere un funzionario delle dogane

next