Le attrici si frequentano, non si sposano“. È la stoccata lanciata dal principe Filippo, marito della regina Elisabetta II, al nipote Harry. Il riferimento è al suo matrimonio con Meghan Markle, ex protagonista della serie tv Suits: a rivelarlo è una fonte vicina alla famiglia reale a Fox News. L’anziano consorte di Sua Maestà ha espresso quindi tutta la sua contrarietà nei confronti delle nozze al figlio di Carlo ma il suo consiglio è stato ignorato da Harry, che con Meghan è ora felicemente genitore del piccolo Archie.

Lo scetticismo del principe Filippo nei confronti delle attrici è probabilmente legato alla sua esperienza personale: suo padre, il principe Andrea di Grecia, ha avuto infatti come amante l’attrice Andrée Lafayette, nome d’arte di Andrée Godard, e per lei ha abbandonato la famiglia quando lui aveva solo otto anni, fino alla morte nel 1944. Nonostante questo, il marito della regina Elisabetta II ha continuato a frequentare il padre ogni anno, senza sapere che l’ex attrice aveva contribuito a scialacquare tutto il suo patrimonio, circa 600mila sterline, lasciando debiti e conti non pagati.

Dopo la morte del padre, Filippo si è ritrovato così in eredità solo alcuni oggetti personali del padre di scarso valore, come un anello e un set da rasatura, perché tutti gli altri preziosi erano stati smantellati per venderne i diamanti e i materiali preziosi. L’amante del padre invece, ha continuato a vivere in un appartamento di Parigi e in una casa di campagna in Francia fino alla sua morte, avvenuta nel 1989.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Camilleri, il bollettino medico: “Condizioni restano critiche, è attaccato alle macchine per respirare”

prev
Articolo Successivo

“Mettete i telefonini nel ghiaccio e pulite le spiagge”: i compiti delle vacanze di un preside di Settimo Milanese

next