Un camion che trasportava circa 133 milioni di api si è schiantato ribaltandosi e liberando in cielo gli insetti, che hanno subito formato una nube scura. È successo nel Montana, come riferisce l’Independent: il mezzo pesante trasportava 40mila arnie ed era partito dalla California diretto in Nord Dakota. A causare l’incidente è stata probabilmente una manovra brusca del conducente durante la svolta ad un incrocio.

A rendere la situazione ancora più grave è stata la grande perdita di carburante dal mezzo: “Abbiamo dovuto stabilizzare il camion perché è dalla sua parte e perdeva anche carburante”, ha detto il vice direttore dei vigili del fuoco locali, Brian Nickolay. “Abbiamo appena preso le più grandi precauzioni che potevamo per quanto riguarda la sicurezza dei soccorritori usando pacchetti di autorespiratore per minimizzare il rischio di essere punti“, ha aggiunto spiegando che mai si erano viste così tante api libere insieme. I due uomini a bordo del mezzo sono usciti illesi dall’incidente ma non è chiaro se gli insetti siano già stati recuperati tutti: la polizia ha avvertito infatti i residenti della zona di quanto accaduto, raccomandandosi di prestare la massima attenzione. 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perse la ex moglie e il figlio di 4 anni nell’attentato di Nizza: “E’ morto di dolore”

next
Articolo Successivo

Bambino di tre anni distrugge un’opera d’arte contemporanea: la famiglia dovrà pagare il (salato) conto

next