Lo abbiamo imparato con la rilevazione delle onde gravitazionali: la materia liberata dà origine a metalli preziosi. Ma l’oro, il platino e gli altri metalli preziosi potrebbero essere il regalo che l’esplosione di una supernova ha lasciato alla Terra. Lo indica la simulazione condotta con l’aiuto di computer e che cerca di risolvere il mistero sull’origine di questi elementi. Pubblicata sulla rivista Nature dall’Università canadese di Guelph e dall’americana Columbia University, la scoperta potrebbe rivoluzionare le teorie attuali sull’origine dei metalli pesanti, secondo le quali sono il frutto delle collisioni tra stelle di neutroni, come quella che ha appunto prodotto le onde gravitazionali rilevate nel 2017

Condotta utilizzando i supercomputer della divisione di Supercalcolo Avanzato (Nasa Advanced Supercomputing Division) del centro di ricerca Ames della Nasa, la simulazione dimostra adesso che circa l’80% degli elementi pesanti dell’universo, come oro, platino, elementi radioattivi come uranio e plutonio, insieme ad elementi più esotici come il neodimio che si usa nell’elettronica, si è formato probabilmente dall’esplosione di una stella dalla massa 30 volte maggiore di quella del nostro Sole, ha detto il fisico Daniel Siegel, dell’università di Guelph. Gli elementi sarebbero poi finiti nella nube di polveri e gas da cui ha avuto origine il Sistema Solare

Il prossimo passo sarà confermare il modello con le osservazioni, come quelle che saranno possibili il telescopio spaziale James Webb della Nasa, il cui lancio è previsto nel 2021. I suoi strumenti a infrarossi che dovrebbero infatti rilevare le radiazioni emesse dagli elementi pesanti provenienti dall’esplosione delle supernovae. Osservare queste radiazioni, ha rilevato Siegel, “sarebbe una firma chiara di questi elementi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sma, per la prima volta diagnosi precoce: “Si potranno trattare subito i bambini”

prev
Articolo Successivo

Il protone compie 100 anni, la particella teorizzata da Ernest Rutherford è ancora misteriosa

next