Ascoltare l’universo e vederne finalmente i colori. Le onde gravitazionali, combinate con un coro di 70 telescopi spaziali e sulla Terra hanno visto gli ultimi minuti di vita di due stelle di neutroni, anticamera dei buchi neri, hanno ascoltato la loro eco mentre collidevano e visto la luce liberata dall’esplosione, mentre la materia liberata tutto intorno dava origine agli elementi più pesanti, come oro e platino. Si apre una nuova straordinaria pagina dell’astronomia dopo l’ascolto delle onde gravitazionali generate dai buchi neri che hanno portato al Nobel per la Fisica a Weiss, Barish e Thorne.

È stata una staffetta senza precedenti nella storia della scienza, che ha portato ad una cascata di scoperte, riportate da un torrente di pubblicazioni sulle riviste più prestigiose, come Nature, Science e Physical Review Letters. L’Italia ha dato un contributo cruciale con Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), con Virgo, che fa capo all’Osservatorio Gravitazionale Europeo (Ego) e si trova in Italia, a Cascina (Pisa); l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) è stato fra i primi al mondo a ‘fotografare’, riconoscere e descrivere la sorgente del segnale con i suoi telescopi e quelli gestiti dall’Osservatorio Europeo Australe (Eso), come Rem (Rapid Eye Mount), Vlt (Very Large Telescope) e Vst (Vlt Survey Telescope), ed è entrato in campo accanto all’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) con i telescopi spaziali Fermi, della Nasa, e Integral, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), e ancora Swift, Chandra e Hubble.

“È stata una cosa pazzesca, davvero emozionante”, ha detto Paolo D’Avanzo, dell’osservatorio di Brera dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e autore con Elena Pian dell’articolo pubblicato sulla rivista Nature. “Sapevamo – ha proseguito – che gli interferometri per le onde gravitazionali sono in funzione solo per determinati periodi e che la presa dati si sarebbe conclusa il 25 agosto”. Erano davvero pochi i giorni a disposizione per sperare di catturare un segnale. Il rivelatore Virgo si era infatti unito ai due strumenti di Ligo soltanto il primo agosto. Insieme i tre strumenti non avrebbero soltanto ascoltato i segnali delle onde gravitazionali, ma sarebbero finalmente stati in grado di localizzarle in un’area dell’universo abbastanza delimitata e più semplicemente da osservare in seguito con i telescopi.

“Quando il 17 agosto abbiamo cominciato a ricevere sui telefoni cellulari i messaggi che annunciavano l’arrivo di un segnale da due stelle di neutroni in collisione, ci siamo detti che era un’occasione d’oro per andare a vedere la luce, ossia la controparte elettromagnetica delle onde gravitazionali”, ha detto ancora D’Avanzo. Se fino ad allora l’attesa era stata frustrante, “quella notizia ci aveva dato la carica” e “quando poi abbiamo visto che la luce che veniva emessa da quello stesso oggetto siamo rimasti senza fiato nel vedere che molti tasselli della teoria andavano a posto. Èstata un’osservazione di portata storica ed è stato tutto davvero incredibile perché nel giro di un mese abbiamo raccolto dati che ci daranno da lavorare per i prossimi anni, e tutto questo è successo in un colpo solo”.

Lo studio su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cronache pechinesi, le trottole stellari del più grande radiotelescopio al mondo

prev
Articolo Successivo

Dopo le onde gravitazionali gli scienziati alzano l’asticella: vedere il Big Bang

next