È come l’immagine dell’impronta a righe lasciata sulla Luna da Neil Armstrong, primo essere umano a camminare su un pianeta diverso dalla Terra. Come la forma a ‘X’ della prima foto del Dna, che svela la struttura a doppia elica della molecola della vita. Immagini entrate nella storia della scienza. Da oggi questo album si arricchisce di un nuovo scatto. Gli scienziati della collaborazione internazionale Event Horizon Telescope (Eht), una rete di radiotelescopi distribuiti in tutto il globo che messi insieme formano un unico osservatorio grande come la Terra, sono riusciti per la prima volta a fotografare un buco nero. Un cannibale cosmico che, grazie al suo spaventoso abbraccio gravitazionale, ingoia tutto ciò che gli capiti a tiro, luce compresa. L’annuncio è stato dato congiuntamente in diverse conferenze stampa da Bruxelles, Washington, Roma, Santiago del Cile, Shanghai, Tokyo e Taipei.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La tubercolosi, questa sconosciuta

prev
Articolo Successivo

Rivoluzione nell’universo, la prima foto del buco nero viene svelata in diretta. E scattano gli applausi

next