In un’intervista al settimanale “You”, Nicole Kidman ha raccontato alcuni particolari inediti della sua infanzia, come il fatto di aver mangiato di tutto, anche le cose più disgustose, per un certo periodo della sua vita da bambina. “Mangiavo di tutto. Anche formiche, anche se non avevano un buon sapore…- ha confidato la Kidman nel corso della sua intervista-. Un po’, come dire, acide. Avevano un gusto strano. Mangiavo di tutto. Avrò mangiato qualsiasi cosa commestibile. Larve, lombrichi e insetti”.

“I miei genitori – ha spiegato ancora la Kidman – si lanciavano le palle di neve a Washington e io avrò avuto due anni. Ricordo che mi chinavo e con i pugni ne raccoglievo un po’, dicendo: ‘Non riesco a tirare la neve, allora la mangio!‘ ”. La bionda attrice non ha nascosto insomma di aver avuto i sintomi della sindrome di Pica, conosciuta anche come picacismo, ovvero la tendenza morbosa ad ingerire tutto ciò che è tecnicamente “commestibile”, anche se di dubbio gusto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gabe Grunewald, morta a 32 anni l’atleta statunitense diventata simbolo della lotta contro il cancro

prev
Articolo Successivo

Al Bano parla di Ylenia: “Essere qui a Mosca mi fa sentire accanto a lei. Era un piccolo genio”

next