Gabe Grunewald, mezzofondista statunitense che da tempo combatteva una dura battaglia contro il cancro, è morta all’età di 32 anni. Era diventata un simbolo per la grande forza di volontà con la quale combatteva il male che l’aveva colpita nel 2009. “Se n’è andata la mia migliore amica, ispirazione, eroina“: queste le parole con le quali il marito dalla sportiva, Justin, ha dato la notizia social.

Grunewald era stata colpita da un carcinoma adenoideo-cistico. Dopo le cure e una operazione, nel 2010 arrivò seconda nei 1500 metri ai campionato universitari. Un nuovo tumore diagnosticato, questa volta alla tiroide, non le impedì di proseguire la sua carriera disputando i Trials olimpici 2012 nei 1500 metri correndo l’anno successivo il personale in 4’01”48.

Nel 2014 vinse il titolo nazionale sui 3000 indoor. Gabe ha continuato a correre fino al 2016 quando le è stato asportato un tumore al fegato, l’anno successivo una recrudescenza del carcinoma tiroideo. Nel 2017 l’ultima apparizione in gara, nonostante fosse sotto cure chemioterapiche, ai campionati nazionali.all’aperto di Sacramento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aida Nizar scatenata nel fuorionda di Live – Non è la D’Urso incalza Cruciani: “Tu ti masturbi? Come lo fai, come?”

prev
Articolo Successivo

Nicole Kidman e il picacismo: “Mangiavo di tutto. Larve, lombrichi e insetti”

next