Barbara D’Urso ha pubblicato sul suo profilo Instagram un video inedito di un fuorionda accaduto durante le registrazioni della puntata di Live – Non è la D’Urso andata in onda mercoledì scorso: nel filmato – girato forse proprio dalla stessa conduttrice con il cellulare – si vede una scatenatissima Aida Nizar incalzare il pubblico e gli ospiti in studio sul tema della masturbazione. Non si capisce come sia partito il discorso dal momento che il filmato inizia con la showgirl che si rivolge direttamente al pubblico, in un italiano un po’ sgrammaticato: “Ma scusa, questo affascinante pubblico a cui io voglio tanto bene si è mai masturbato? Ma dai parlate! Ma è incredibile, sono vergini! C’è qualcuno che si è masturbato?“, esclama concitata la Nizar.

E poi ancora: “Tu ti hai masturbato?” chiede rivolta a Cicciolina. “Tu ti hai masturbato Ciocciolina?“, incalza.  “Eh hai voglia!, Più di una volta!”, risponde l’ex pornostar. “E questo pubblico perché non parla? Non si masturba? Devo farti vedere come si fa? Nessuno si masturba adesso, nessuno”, rilancia allora la showgirl. “Neanche Cruciani?“, si sente chiedere da qualcuno dei presenti che però non viene inquadrato . “Vieni qui Ciocciolina, vieni vieni Ciocciolina tesoro”, dice ancora la Nizar prendendola per mano e dirigendosi verso la poltrona dove è seduto il conduttore de La Zanzara.

Poi rivolta a Cruciani: “Tu tu masturbi? Ti ho trovato uno che fa la masturbazione, un applauso!”, esclama. “Chi è che non lo fa?” le risponde Cruciani. “Come lo fai? Dai come lo fai?” lo incalza la Nizar. “Senza descrizione!” si sente dire dalla voce fuoricampo di Barbara D’Urso. “Dai spiegami come lo fai!”, rincara la showgirl a un Cruciani visibilmente imbarazzato che cerca di svincolare. Poi però il filmato si interrompe, con Eleonora Giorgi che chiosa rivolta a Barbara D’Urso: “Tu non hai tempo per queste cose vero?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Muore a 67 anni prima di riuscire a incassare la vincita al Totocalcio

prev
Articolo Successivo

Gabe Grunewald, morta a 32 anni l’atleta statunitense diventata simbolo della lotta contro il cancro

next