NORVEGIA

Giocheranno senza la loro giocatrice più rappresentativa, Ada Hegerberg. La pallone d’oro 2018, premiata a Parigi con tanto di gaffe (“Sai twerkare???”), ha rifiutato la convocazione in nazionale dal 2017 in polemica con la sua federazione per le discriminazioni tra calcio maschile e femminile. Le proteste hanno contribuito a ottenere la parità salariale, primo paese in Europa a cui in queste ore si è aggiunta l’Olanda. La squadra non è tra le più quotate ma, se la difesa dovesse fare buone prestazioni, potrebbe aspirare a raggiungere la fase finale. In bacheca hanno un oro ai mondiali 1995, all’olimpiade del 2000 e due campionati europei.

INDIETRO

Mondiali calcio femminile 2019, quali sono le squadre favorite (e cosa possiamo aspettarci dall’Italia) – LA GUIDA

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fifa, numero due arrestato: “Corruzione”. È a capo della Confederazione africana. Chi lo aveva accusato è stato licenziato

next
Articolo Successivo

Mondiali calcio femminile 2019, l’Italia torna dopo vent’anni. A spingere la nazionale un movimento in forte ascesa

next