Giacomo Galanti è uno degli 80mila aspiranti navigator d’Italia. O meglio, della Germania. Il 49enne, infatti, viene da una piccola cittadina vicino Dusseldorf, dove si è trasferito nel 2018 alla ricerca di un lavoro. Missione compiuta, grazie all’efficacia del sistema di ricollocamento tedesco che, racconta, “nel giro di tre giorni gli ha restituito la dignità di uomo lavoratore”. Ora Giacomo vuol tornare a casa, nel paese dal quale è fuggito neanche 14 mesi fa. Un paradosso che lui stesso non fatica ad ammettere, e che porta con sé anche un’altra preoccupazione: “Se in tanti anni noi aspiranti navigator non siamo riusciti a trovare lavoro in Italia per noi, come faremo a trovarlo ad altri?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, sciopero dei metalmeccanici il 14 giugno: “Si contrastino delocalizzazioni”. Manifestazioni a Milano, Napoli e Firenze

prev
Articolo Successivo

Mercatone Uno, primo passo verso sblocco degli ammortizzatori sociali. Intesa sospende rate mutui ai dipendenti

next