Giacomo Galanti è uno degli 80mila aspiranti navigator d’Italia. O meglio, della Germania. Il 49enne, infatti, viene da una piccola cittadina vicino Dusseldorf, dove si è trasferito nel 2018 alla ricerca di un lavoro. Missione compiuta, grazie all’efficacia del sistema di ricollocamento tedesco che, racconta, “nel giro di tre giorni gli ha restituito la dignità di uomo lavoratore”. Ora Giacomo vuol tornare a casa, nel paese dal quale è fuggito neanche 14 mesi fa. Un paradosso che lui stesso non fatica ad ammettere, e che porta con sé anche un’altra preoccupazione: “Se in tanti anni noi aspiranti navigator non siamo riusciti a trovare lavoro in Italia per noi, come faremo a trovarlo ad altri?”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, sciopero dei metalmeccanici il 14 giugno: “Si contrastino delocalizzazioni”. Manifestazioni a Milano, Napoli e Firenze

next
Articolo Successivo

Mercatone Uno, primo passo verso sblocco degli ammortizzatori sociali. Intesa sospende rate mutui ai dipendenti

next