“Nel 1999 uscendo da un allenamento ho iniziato a ricevere messaggi con auguri, felicitazioni e complimenti. Non capivo ma una volta arrivato a casa vedo sul letto una copertina: ‘Mi sono sposata’”, inizia così il racconto di Max Bertolani a Mattino 5. L’ex fidanzato di Pamela Prati racconta a Federica Panicucci un retroscena sulla loro love story, aneddotto che sembra richiamare agli episodi successivi in tema di nozze: “Chiesi spiegazioni, le mi disse ‘così almeno non ci fanno più domande’. Le dissi che aveva fatto una cosa gravissima e che a quel punto ci saremmo sposati perché per me il matrimonio è un valore davvero importante. Poi tra noi finì tutto”.

Non riconosco più la mia Pamela, ora è un personaggio completamente diverso”, ha aggiunto Bertolani, confermando il metodo dei matrimoni annunciati e mai celebrati. Era già successo anche nel 2009 quando a Diva e Donna la showgirl sarda comunicò di essersi sposata con l’imprenditore Sebastian Jabir, notizia bollata dalla primadonna del Bagaglino come fake news lo scorso marzo. Meccanismo poi replicato, com’è noto, con il finto Mark Caltagirone.

Pratiful, come è stata soprannominata, comincia ad avere sempre più denunce. Alla lista, stando a quanto scrive Dagospia, si è aggiunta Flora Pellino. La bella influencer, concorrente di Quattro mamme su Fox, si è recata ieri alla polizia postale per sporgere denuncia dopo che le sue foto erano state rubate e usate per il finto profilo di Silvia Sbrigoli. Personaggio di fantasia che veniva usato per flirtare con Mark Caltagirone, ingelosendo la showgirl, e per convalidare l’esistenza del piccolo Sebastian. Quella del catfishing (false identità, ndr) è un fenomeno quanto mai presente in questa storia che rischia di scrivere il capitolo finale nelle aule dei tribunali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elisa Isoardi in costume presa di mira dagli haters: “Polpacci da cinghiale”, “dimagrisci”. Ma in tanti la difendono: “Una di noi”

prev
Articolo Successivo

Pamela Perricciolo: “La colpa è nostra al 50%. Il resto è di chi ci ha invitato in tv: se non avessimo fatto audience ci avrebbero denunciato per truffa”

next