Sesto giorno consecutivo di sciopero nella fabbrica francese Ferrero di Villers-Ecalles, la prima al mondo per produzione di Nutella. “160 dipendenti sono in sciopero dalla notte tra lunedì e martedì scorsi, nessun camion entra o esce dal sito da quella data”, ha dichiarato alla stampa francese il sindacalista Fabrice Chanchel di Force Ouvrière. “La produzione di Kinder Bueno è ferma da martedì. Su quattro linee dedicate alla produzione di Nutella, solo una lavora al 20% della sua capacità”, ha spiegato. I lavoratori protestano per chiedere incrementi salariali: lo stabilimento, non lontano da Rouen, occupa 400 dipendenti con contratto a tempo indeterminato.

La fabbrica Ferrero di Villers-Ecalles, 145 km a nord-ovest di Parigi, produce 600mila barattoli di Nutella al giorno, equivalente a un quarto della produzione mondiale della celebre crema spalmabile. Denunciando il “degradarsi delle condizioni di lavoro”, Chancel spiega che i dipendenti in sciopero chiedono “nel quadro dei negoziati annuali obbligatori, un innalzamento generale annuale degli stipendi del 4,5%, come anche l’attribuzione di un bonus Macron di 900 euro”. “Per ora, la direzione propone solo un aumento dello 0,4%“,deplora Sandra Hauchard, sindacalista di CFTC.

Stando a una mail interna visionata da AFP, la direzione dell’impianto avrebbe dichiarato che il blocco dell’accesso all’impianto è “completamente illegale“. Il management della fabbrica, spiega il messaggio, ha stabilito una sanzione – entrata in vigore lunedì mattina alle 6 – di “mille euro per ora e per persona che blocca illegalmente l’accesso al sito”. “Compito della direzione dello stabilimento – prosegue la nota – è proteggere i lavoratori non scioperanti della fabbrica che sono maggioritari e auspicano continuare a garantire il loro lavoro in buone condizioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito, Tridico (Inps): “1,27 milioni di domande al 31 maggio. Importo medio 531 euro. Solo 12 casi di restituzione”

next
Articolo Successivo

Coi primi soldi del reddito di cittadinanza ho pagato bollette e fatto la spesa (pure i fusilloni)

next