Nonostante la pioggia incessante su Piazza Duomo a Milano, sono tutti e 20mila rimasti lì, immobili, infreddoliti. Nessuno si sarebbe perso l’esibizione dell’amata Alessandra o di Marco, Ultimo o Ermal. Il grande evento Radio Italia Live – Il Concerto, giunto all’ottava edizione e condotto da Luca e Paolo, si è colorato di ombrelli, poncho e impermeabili per quattro ore di musica da Gué Pequeno (che ha aperto la serata) alla chiusura con Luciano Ligabue che ha regalato un piccolo assaggio del suo prossimo tour negli stadi. Un pubblico di giovanissimi, già in prima fila dalle prime ore del mattino – anche se qualcuno ha posizionato la tenda la sera prima – per non perdersi nemmeno un attimo dello show. C’è stata la corsa per mettersi più vicino al palco per le foto e i video da pubblicare e condividere sui social. Nutrito il gruppo de L’Esercito di Mengoni, ma anche della Big Family di Alessandra Amoroso, i Lupi di Ermal e le fan di Ultimo. Sono proprio questi artisti ad aver ricevuto gli applausi più calorosi, durante la serata.

Piccolo incidente sul palco per Francesco Gabbani che è scivolato durante la sua esibizione. Su “Occidentali’s Karma” poi è scoppiato il boato e un karaoke collettivo. La leonessa del rock italiano Loredana Bertè ha proposto “Cosa ti aspetti da me” e dopo “Non sono una signora” stava per andarsene, poi si è scusata: “Ho dimenticato che devo cantarne un’altra”. Ed ecco che arriva il tormentone dell’estate 2018 con i Boomdabash “Non ti dico no”. Calda l’accoglienza per Sfera Ebbasta alla sua seconda apparizione televisiva (prima è stato a “Le Iene”), dopo i tragici fatti di Corinaldo di gennaio. Il trapper ha eseguito “Rockstar”, “Happy Birthday” e “Mademoiselle”. Al termine si è rivolto al pubblico: “Grazie a chi mi ha portato fino a qui”. Il co-conduttore Luca Bizzari si è sbilanciato: “Sei proprio figo!”.

Marco Mengoni è stato l’unico ad aver cantato quattro brani (“Muhammad Alì”, “Ti ho voluto bene veramente”, “Hola” e “Io ti aspetto”), il coro di fan lo ha accolto con “sei bellissimo”. Poi è arrivata la star internazionale Sting. Elegante e senza sbavature ha eseguito tre grandi successi come “Roxanne”, “Message in a bottle” e “Every breath you take”. Lo show è scivolato via poi con l’acclamatissimo Ultimo, finalmente senza gli occhiali, che ha travolto la piazza. Prosegue l’onda lunga del suo momento d’oro. Poi a chiudere Ermal Meta e Luciano Ligabue che ha scaldato la Piazza infreddolita con il super medley: “Questa è la mia vita”, “Piccola stella senza cielo”, “Happy hour”, “Tra palco e realtà” e “Urlando contro il cielo”.

Il tempo dei saluti finali e Piazza Duomo si svuota sotto la pioggia battente, il pubblico però non ha mollato un minuto, c’è chi ha fatto amicizia durante la lunga attesa, chi ha scambiato i numeri di telefono e chi sceglieva velocemente le foto da pubblicare su Instagram del proprio idolo, anche se è una foto da lontano, sfocata, chi se ne frega, l’importante è stato esserci e cantare. Chiusa la piazza di Milano, la grande macchina da guerra di Radio Italia Live – Il Concerto si prepara già per l’evento di Palermo il 29 giugno. Al Foro Italico ci saranno Achille Lauro, Benji & Fede, Ghali, Il Volo, Irama, Fiorella Mannoia, Mahmood, Fabrizio Moro, Nek, Takagi & Ketra con Giusy Ferreri, Thegiornalisti e Paola Turci. Ospite internazionale è Mika. Ma c’è da scommetterci che stavolta ci saranno solo le stelle in cielo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jovanotti, Legambiente contro il suo Beach Party al Lido degli Estensi: “È una minaccia per il fratino”

next
Articolo Successivo

Il superyatch di 40 metri di Loro Piana si inabissa tra Spagna e Francia

next