Ciao Darwin è un programma maschilista: vorrei che nel programma fosse dato lo stesso spazio degli uomini alle donne. Ma se metto troppi uomini, poi non lo conduce lui… (Paolo Bonolis, ndr)”. A dirlo in un’intervista a Tpi è Sonia Bruganelli, la moglie di Paolo Bonolis che con la sua azienda Sdl Tv produce proprio lo show di Canale 5 che in questa edizione ha fatto tanto discutere a causa degli infortuni capitati ad alcuni concorrenti durante la prova del Genodrome. L’ultima puntata di Ciao Darwin ha fatto registrare un record di ascolti con il 24% di share ma già la Bruganelli pensa alla prossima edizione dove vorrebbe portare una grossa novità. 

Stiamo pensando di inserire più uomini. Mica devono esserci solo belle donne – ha detto la moglie di Bonolis -. Lì dentro sono tutti maschi, io sono una delle poche donne e combatto per mettere gli uomini. Ora ogni 7 madri natura c’è un padre natura”. Il riferimento è infatti all’esordio della figura di “padre natura” settimana scorsa: una novità che sembra esser piaciuta tutto sommato al pubblico.

Ma Ciao Darwin quanto impegna Bonolis?, le chiedono: “Paolo lavora meno di me, perché io organizzo tutte le sue trasmissioni. In pratica, lui arriva quando ci sono le prove e poi in occasione della puntata. Non c’è un segreto per raccontare il successo di questa trasmissione. Fa divertire e alla gente piace, perché qui è tutto reale senza finti sentimenti. L’ultima puntata ha fatto il botto con il risultato più alto della programmazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

OnDance, Roberto Bolle e il suo festival a Milano: dal 26 maggio al 2 giugno “un’onda festosa che invade la città”

next
Articolo Successivo

Assassinio all’ospizio: donna di 102 anni ammazza la compagna di stanza di 92

next