Se per Matteo Salvini il decreto Sicurezza bis è già “limato e pronto”, dopo le tensioni in Consiglio dei ministri, è ora il premier Giuseppe Conte a prendere tempo, senza indicare una data precisa per la sua approvazione. Per il premier manca ancora “il necessario esame del Quirinale”, dopo i dubbi fatti filtrare dal Colle sul rischio incostituzionalità. “Il decreto legge Sicurezza è complesso e presenta dei profili che vanno approfonditi ancora. All’ordine del giorno del consiglio dei Ministri c’era avvio dell’esame, non approvazione”, ha precisato. E ancora: “Ovviamente c’è un vaglio da parte della Presidenza della Repubblica un po’ più incisivo rispetto ad un provvedimento ordinario, stiamo parlando di una decretazione d’urgenza, quindi è normale ascoltare il Quirinale e avere la possibilità di raccogliere tutte le valutazioni e gli approfondimenti che proverranno dal Quirinale”. Conte quindi non si sbilancia sul fatto che possa essere approvato a dopo le Europee o rinviato a dopo il voto: “Se sarà approvato prima del 26 maggio? Non lo escludo, c’è un’interlocuzione in corso e dobbiamo ancora lavorarci su”, ha tagliato corto.

Per poi provare ad allontanare la crisi evocata nel governo: “Nessuna crisi, nessun diverbio, ieri abbiamo affrontato i temi all’ordine del giorno e ci siamo aggiornati. Nessuna rissa come ho letto, nulla di tutto questo”. E ancora: “Non mi sento affatto sfiduciato: non dobbiamo leggere sui giornali e sui social affermazioni improprie, i rilievi e le perplessità si affrontano nelle sedi opportune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza bis, Salvini: “Limato e pronto”. Ma Conte: “Necessario esame del Quirinale, giusti approfondimenti”

prev
Articolo Successivo

Zingaretti: “Di Maio ipocrita, litiga con Salvini per metà giornata poi ci fa pace. Altri 4 anni di governo? Una minaccia”

next