È attraccato alle 5.40 di questa mattina il cargo Bahri Yanbu con le armi dirette in Arabia Saudita. Ad attenderlo i lavoratori portuali che hanno aderito compatti allo sciopero proclamato dalla Filt Cgil nella serata di ieri, che prevede l‘astensione dal lavoro per tutti i servizi e le operazioni portuali di mare e di terra che vedono coinvolta la nave nel porto di Genova fino a quando non sarà portato via il carico, “che comprende attrezzature e droni al servizio delle stragi in Yemen – spiegano i lavoratori riuniti nel presidio di protesta, che aggiungono: “La nave è entrata in porto perché è un diritto e noi questo, a differenza di Salvini, lo sappiamo, eppure – concludono i delegati Filt Cgil – non saremo complici e ci auguriamo che lo stesso facciano i colleghi dei porti dove nei prossimi giorni cercheranno di fare imbarcare la nave”.
Ad attendere la nave saudita, oltre ai lavoratori portuali, un presidio partecipato da un centinaio di persone tra portuali, cittadini solidali, antimilitaristi e scout, che hanno accolto il carico con fumogeni e striscioni contro la guerra. “Chiediamo al governo Conte, come fatto con quelli precedenti, di interrompere tutti gli accordi commerciali sugli armamenti con l’Arabia Saudita – spiega Francesca Bisiani per conto della sezione ligure di Amnesty International – in attuazione del trattato internazionale contro il commercio delle armi”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Genova, attracca la nave saudita che trasporta armi. Picchetto dei portuali: “Non saremo complici guerra in Yemen”

prev
Articolo Successivo

Firenze, protestano in duemila contro Salvini: tensione in piazza e cariche della polizia. Le immagini

next