Una scatenatissima Heather Parisi è tornata in tv su Rai 1 ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa. La showgirl ha fatto il suo ingresso salutando il pubblico con il pugno chiuso: “questo gesto è per la difesa dei diritti e dei diversi, non facciamo equivoci!”, ha precisato rivelando poi che alcune mosse del balletto di una delle sue più celebri canzoni, Disco Bambina, erano in realtà un saluto in codice per i suoi amici gay. Non solo.

Con la sua spontaneità travolgente, Heather si è lasciata andare ad una frase che ha messo in imbarazzo Fabio Fazio.”Io non capivo un pene“, ha detto infatti riferendosi al fatto che quando aveva conosciuto Massimo Troisi lui parlava in dialetto napoletano stretto e non lo capiva. “Non capivi bene?”, ha chiosato il conduttore fingendo di non aver capito. “No, non capivo un pene, perché non si può dire la parola con la c…“, ha rilanciato allora la Parisi che poi ha detto: “Dico sempre quello che penso e nel mondo dello spettacolo non è facile. Perché è un mondo di ipocrisia e io sono un personaggio scomodo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mark Caltagirone, la manager Eliana Michelazzo vuole entrare al Grande Fratello ma Mediaset mette il veto

next
Articolo Successivo

Bollani al piano, Bocelli che canta “Con te partirò” e Bolle che prova la coreografia: il backstage che emoziona a Napoli

next