“I premi sui Credit default swap (“assicurazioni” contro il rischio di fallimento dello Stato, ndr) suggeriscono che il differenziale dei titoli di Stato italiani è salito a seguito sia dell’aumento dei rischi di credito sia dei rischi di ridenominazione dei titoli in una diversa moneta” rispetto all’euro. Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, in visita in Israele, commenta così l’andamento dello spread negli ultimi mesi. Aggiungendo che, come già anticipato nell’ultimo Bollettino di via Nazionale, “la trasmissione di tassi più elevati dai titoli di Stato al costo dei prestiti per famiglie e imprese è stata finora limitata, grazie all’ampia liquidità delle banche e bilanci migliorati. Ma cominciano a emergere segni di tensione“.

“Secondo nostre indagini – ha aggiunto Visco – le condizioni del credito si sono inasprite, in particolare per le piccole imprese, in seguito all’aumento dei costi di finanziamento delle banche e il deterioramento delle prospettive economiche. Nel più lungo termine, un premio ad alto rischio sui titoli di Stato finirebbe inevitabilmente per incidere sull’economia reale. Una strategia credibile per ridurre l’onere dell’elevato debito pubblico italiano a medio termine non può più essere posticipata e i fattori che portano gli investitori a percepire rischi più elevati, come ad esempio le condizioni di bilancio lassiste e la prevalenza dei trasferimenti e i sussidi sulle misure volte a rafforzare la crescita dovrebbero essere affrontati”, ha concluso Visco.

Lo spread, ha ricordato, “all’inizio di questa settimana era oltre 270 punti base, più del doppio del livello raggiunto a inizio 2018, prima delle ultime elezioni generali”, e l’alto livello del debito “espone l’Italia alla volatilità del mercato finanziario: l’ammontare annuale di obbligazioni da rifinanziare attualmente ammonta a circa 400 miliardi di euro e l’impatto iniziale di più alti tassi di interesse sui costi sono piccoli ma, se l’aumento dei tassi dovesse persistere, peserebbe inevitabilmente sulla spesa”. Per ora, stando al Def nel 2018 e 2019 la spesa per interessi risulta in lieve calo e quest’anno dovrebbe attestarsi a 63,9 miliardi contro i 65,5 del 2017. Quindi “una credibile strategia di ridurre il livello del debito nel medio termine non può più essere rinviata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, le difficoltà del settore auto e la sfida della transizione energetica: “È unica via per dare un futuro all’industria”

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, scontro Italia-Austria. Tria: “Noi come Grecia? Vienna pensi prima di parlare”. “Dovrebbe dirlo a Salvini”

next