Partecipa a un popolare talk show dove accetta di sottoporsi alla “macchina della verità” per provare di non aver tradito la fidanzata. Il test però fallisce, nonostante lui continui a giurare di esserle stato fedele, e qualche giorno dopo decide di togliersi la vita con un’overdose di morfina. È quanto successo in Gran Bretagna al 62enne Steve Dymond, come riferisce il Guardian: dopo aver partecipato alla registrazione di una puntata del Jeremy Kyle Show, il talk show in onda su Itv definito più volte come “tv spazzatura”. Quando si è appresa la notizia la produzione ha deciso di sospendere la messa in onda del programma a tempo indeterminato e anche di rimuovere tutte le puntate precedenti dai canali on demand.

A spingere l’uomo a compiere il folle gesto è stato proprio il fatto che la sua presunta infedeltà fosse stata smascherata e derisa davanti alle telecamere. Il Jeremy Kyle Show, condotto appunto da Jeremy Kyle, è noto per essere il programma più trash della televisione inglese con i partecipanti che talvolta arrivano alle mani aizzati dallo stesso conduttore per compiacere l’audience. Tanto che in studio è sempre pronto un sevizio di sicurezza per impedire che le liti degenerino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Debutta in serie A e gli muore la nonna durante i festeggiamenti: il dramma di Gianluca Gaetano

prev
Articolo Successivo

“L’Aperol spritz non è un buon drink”: il New York Times attacca l’aperitivo italiano

next