Nel monologo di apertura  di Fratelli di Crozza in prima serata sul Nove, Maurizio Crozza si sofferma sulle contestazioni social contro Matteo Salvini: “Sui “social”, che poi sono il suo vero ufficio, stanno nascendo gli anticorpi. Pare che sia nata una nuova moda:  chiedergli un selfie e poi coglionarlo di sorpresa.  È una specie di movimento spontaneo di liberazione nazionale. Lo capite di cosa si occupa la Digos adesso? Sequestra i telefonini come la maestra alle scuole medie”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fratelli di Crozza, Conte diventa lo “007 del Garagano”: “Quando l’Italia ha un problema non lo risolvo, lo posticipo”

next
Articolo Successivo

Ballando con le Stelle, De Girolamo risponde al M5s: “Linea Verde? Io sono già in tv. Voi pensate a governare il Paese”

next