May You Live In Interesting Times” è il titolo della biennale che il curatore Rudolph Rugoff, direttore della Hayward Gallery di Londra, ha scelto per raggruppare 79 artisti internazionali tutti contraddistinti da una lettura inedita e disincantata verso la realtà coeva. Tutti interessati a valicare il concetto di mera arte di opposizione o di propaganda si pongono, attraverso multiformi linguaggi espressivi, l’obbiettivo di svelare i meccanismi di una società “duale” tra realtà e falsificazione. Tratto da un’espressione popolare cinese, di uso comune tra gli anglosassoni, e ispirato ad un saggio di Bruno Latour pubblicato nel 2004 “Why Has Critique Run out of Steam?” il titolo svela un’approccio critico e diametralmente opposto a quello di stampo ottimistico della scorsa edizione. Rugoff crea due mostre differenti, una all’Arsenale e una al Padiglione Centrale dei Giardini, ma coinvolgendo gli stessi artisti; tra i nomi compaiono molti giovani nati tra gli anni 70 e gli anni 80 e pochi maestri, come a voler sottolineare un’ulteriore inversione di marcia. Due le artiste italiane invitate: Ludovica Carbotta e Lara Favaretto accomunate da una poetica empatica ma estremamente sofisticata e asciutta.

Biennale di Venezia 2019, i dieci appuntamenti da non perdere

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Andrea Bianconi porta la sua arte a San Vittore e una detenuta racconta: “Mia madre si tolse la vita in cella davanti ai miei occhi”

prev
Articolo Successivo

Salone del libro, ha ragione Salvini: il fascismo è surreale (come un popolo che non legge)

next