Il pubblico ministero ha chiesto l’archiviazione delle indagini su Piera Aiello, testimone di giustizia e deputata del M5s, indagata per falso in atto pubblico dalla Procura di Sciacca. Secondo la pm Roberta Buzzolani, la parlamentare, che vive sotto protezione testimoni e ha mostrato in pubblico il suo volto solo un anno fa, ha presentato false attestazioni per potersi candidare alle elezioni politiche del 2018. Alla deputata viene contestato di aver utilizzato il suo vero nome, che non esiste da più da 27 anni, cioè appunto da quando è sotto protezione. Un nome quindi “congelato”, che lei non avrebbe potuto utilizzare per candidarsi, dato il suo status di testimone di giustizia.

Piera Aiello era sposata con il figlio del boss Vito Atria, ucciso il 24 giugno 1991. A quel tempo, la donna decise di denunciare i due assassini del marito e iniziò così a collaborare, insieme alla cognata Rita Atria, con la magistratura. Le indagini per falso erano partite dopo una segnalazione della Prefettura di Trapani, da lì la Procura di Sciacca aveva avviato una serie di accertamenti. Gli investigatori, quando si sono recati all’Ufficio anagrafe del suo comune di origine a Partanna, in provincia di Trapani, hanno scoperto che non solo non era mai stata cancellata dalle liste del comune ma che era ancora residente a casa del padre.

La parlamentare pentastellata, accompagnata dal suo legale, è stata interrogata dai magistrati e avrebbe ripercorso tutta la trafila burocratica per potersi candidare con il M5s. “Posso dimostrare, con documenti alla mano, che ero candidabile. Sono serena e fiduciosa che tutto finirà in una bolla di sapone”, ha dichiarato la candidata. “È una vicenda squisitamente politica, la mia candidatura ha tarpato le ali a qualche avversaria, che si è arrampicata sugli specchi per segnalare agli inquirenti irregolarità, che sono inesistenti. Mi sono candidata con il beneplacito degli organismi competenti, che, naturalmente, hanno vagliato la situazione”. Aiello è stata iscritta nel registro degli indagati dopo le elezioni insieme a un dipendente del Comune di Partanna, oggi in pensione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siri in procura rilascia dichiarazioni spontanee. Depositata memoria. Legale: “Non ha mai ricevuto denaro da Arata”

next
Articolo Successivo

Tangenti Milano, Tatarella: “Io innocente ma mi dimetto”. I primi interrogati non rispondono alle domande del gip

next