Era iniziato come un corteo rumoroso, ma pacifico: bambini, famiglie, studenti, associazioni provenienti da Taranto e da altre parti d’Italia insieme a scandire che il futuro per Taranto e per altre regioni dello stivale deve cambiare. In qualche migliaio si sono ritrovati in piazza Gesù Divin Lavoratore, nel cuore del quartiere Tamburi, e hanno sfilato percorrendo lo stradone che conduce all’ingresso dell’ex Ilva. Per circa un chilometro il corteo, nonostante la pioggia battente, ha urlato cori e slogan contro il Governo e contro i veleni della fabbrica, ma una volta arrivati dinanzi ai cancelli dello stabilimento siderurgico le cose sono degenerate: prima il lancio di fumogeni all’interno del muro della fabbrica, poi il tentativo di scardinare i cancelli e infine gli scontri con le forze dell’ordine. Un momento di altissima tensione durante il quale non sono stati pochi i manifestanti che hanno espresso disappunto verso il gruppo che, con il volto coperto, ha dato il via al lancio di sassi e bottiglie. Alcuni hanno aggredito con cinte, bandiere e ombrelli anche i finanzieri che erano schierati dinanzi allo stabilimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bambina ferita a Napoli, il cardinale: “Camorristi barbari. Il sangue innocente grida vendetta al cospetto di Dio”

next
Articolo Successivo

Aeroporto Fiumicino, guasto informatico per Alitalia: partenze rinviate di qualche ora

next