“Faremo un’area geografica che protegge i comunisti, perché sono una specie simpatica. Quelli che nel 2019 credono nella falce e martello mi fanno simpatia”. Così il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini si è rivolto ad un gruppetto di contestatori arrivati nel corso del suo comizio elettorale a Tivoli.
“Ero preoccupato perché non avevo visto ancora cinque comunisti – ha aggiunto – Ora sono arrivati i nostalgici di Che Guevara e Stalin, un applauso, mi fate una tenerezza infinita, voi con il lavoro non c’entrate nulla ma noi siamo democratici e accogliamo tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso Regeni, Fico: “Promesse di Al Sisi non valgono più niente. L’Egitto non può essere considerato Paese sicuro”

next
Articolo Successivo

Siri, il lapsus in diretta di Di Maio: “Ci sono parlamentari leghisti che chiedono le dimissioni di Salvini”

next