“Faremo un’area geografica che protegge i comunisti, perché sono una specie simpatica. Quelli che nel 2019 credono nella falce e martello mi fanno simpatia”. Così il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini si è rivolto ad un gruppetto di contestatori arrivati nel corso del suo comizio elettorale a Tivoli.
“Ero preoccupato perché non avevo visto ancora cinque comunisti – ha aggiunto – Ora sono arrivati i nostalgici di Che Guevara e Stalin, un applauso, mi fate una tenerezza infinita, voi con il lavoro non c’entrate nulla ma noi siamo democratici e accogliamo tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Regeni, Fico: “Promesse di Al Sisi non valgono più niente. L’Egitto non può essere considerato Paese sicuro”

next
Articolo Successivo

Siri, il lapsus in diretta di Di Maio: “Ci sono parlamentari leghisti che chiedono le dimissioni di Salvini”

next