“Il futuro non si può bloccare, ma si può anticipare e così abbiamo fatto nel nostro chiosco invitando i nostri clienti a pagare elettronicamente”. Dorando Giannasi è il proprietario di uno dei chioschi di pollo allo spiedo più famosi di Milano. Da questo angolo di città, Porta Romana, negli ultimi cinquantadue anni ha osservato i cambiamenti della società attraverso i tanti cittadini che frequentano il suo banco: “Viviamo in piazza, sentiamo la gente quotidianamente e così abbiamo capito che stava crescendo la necessità di pagare con la carta anche i piccoli importi”. Così il signor Giannasi ha potenziato il servizio Pos del suo chiosco e ha lanciato una campagna pubblicitaria in tutta la città per invitare i suoi clienti a pagare elettronicamente: “I vantaggi pratici sono la velocità nel concludere le operazioni, le riduzioni dei rischi anche igienici dovuti al contatto con il denaro e poi anche una minore evasione fiscale che a quanto pare c’è ed è legata al contante”. Un modello che però stenta a decollare nel suo settore: “Noi siamo stati dei pionieri, ma la difficoltà più grande è ancora legata all’importo delle commissioni. Lo Stato o le banche dovrebbero aiutarci per ridurle” osserva Giannasi mentre monitora la cottura dei polli. Nonostante le campagne pubblicitarie che hanno invaso Milano, oggi la percentuali di pagamenti elettronici al chiosco di piazza Buozzi si attesta sul 35%: “Nel nostro paese il contante in questo settore è ancora prevalente, ma è solo questione di tempo, sicuramente nel giro di qualche anno arriveremo al 100% dei pagamenti elettronici, dunque tanto vale anticipare i tempi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Per la famiglia naturale o per la gerarchia naturale?

prev
Articolo Successivo

Lavorare dalle 9 di mattina alle 9 di sera non vi renderà persone di successo

next