Un cittadino senegalese di 26 anni è stato fermato per avere aggredito due poliziotti, a Torino, al grido di ‘Allah Akbar’. L’accusa nei suoi confronti è di tentato omicidio. Secondo fonti del Viminale, a suo carico sono emersi due provvedimenti di espulsione, uno del questore di Cuneo e l’altro del questore di Torino.
L’aggressione è avvenuta in via Cuneo, alla periferia Nord di Torino, dove gli agenti sono intervenuti in seguito alle segnalazioni di alcuni residenti. Da qualche giorno l’uomo dormiva in un giaciglio di fortuna sotto alcuni capannoni. All’arrivo degli agenti, ha opposto resistenza aggredendoli con una sbarra di ferro, che è stata sequestrata.

A dare la notizia era stato nel pomeriggio il ministro dell’Interno Matteo Salvini, riferendo che l’uomo “portato in questura, ha gridato insulti contro il presidente Mattarella e il sottoscritto”. “Uno dei poliziotti è stato ferito alla testa, l’altro alla mano”, ha detto il leader leghista. “A loro vanno il nostro grazie e il nostro augurio di pronta guarigione: sto seguendo personalmente la vicenda. Nessuna tolleranza per balordi e violenti che attaccano le forze dell’ordine”. I due agenti sono stati medicati all’ospedale San Giovanni Bosco. In servizio presso i commissariati Barriera di Milano e Dora Vanchiglia, hanno riportato lievi ferite giudicate guaribili in pochi giorni.

“Vicinanza della Città ai due agenti di Polizia aggrediti e feriti questo pomeriggio a Torino”, commenta la sindaca di Torino, Chiara Appendino. “A loro, insieme agli auguri di pronta guarigione, va il ringraziamento per l’importante e difficile lavoro di presidio del territorio svolto quotidianamente al servizio della comunità cittadina, anche nelle giornate di festa come quest’oggi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Professore xenofobo e razzista sui social, Bussetti: “Un concorso vinto non dà il lasciapassare per delirare”

prev
Articolo Successivo

Verona, skinheads da tutta Europa per concerto nazi-rock nell’anniversario della nascita di Hitler. Organizzatori: ‘Casualità’

next